Come Piegare

Ufficio tecnico e centro stampa necessita di piegare grandi formati quali A0,A1, A2 and A3 secondo gli standard.

Molti si chiedono: “Esistono degli standard ? qual è il modo migliore e più veloce per piegare i disegni di grande formato?

Esistono molti standard nel mondo per piegare i disegni tecnici di grande formato, questo è in funzione della dimensione del formato da piegare e il suo orientamento verticale o orizzontale e posizione del cartiglio o tabella dove vi è riportato il numero del disegno la scala ed altri preziose informazioni. Il più comune standard di piegatura sono quelli europei   DIN:  DIN A 190Mx297mm dove il pacchetto è piegato a fisarmonica a passo 190mm con ultimo lembo a 210mm, tale lembo crea un sporgenza lato opposto al cartiglio dove è possibile usare i 4 fori per raccoglitori ad anelli;  lo standard DIN B  190xx x 297mm per imbustare la copia nelle veline ed infine lo standard  DIN C  210mmx297mm classi formato A4 il più comune comunemente usato.
Se i documenti  A0,A1, hanno un orientamento verticale possono essere piegati con il programma 210 inverse din, poiché la posizione del cartiglio si trova in un altro angolo o con lo standard Afnor francese che permette di piegare il formato   A0 ed A2 con orientati verticalmente senza prepieghi.
Negli Stati Uniti ci sono gli standard di piegature Ansi ed Architectural  in funzione della serie dei formati 11″,17″, 22″ e 34″ Ansi o della serie 12″, 18″, 24″ e 36″ Architectural

Sapere cosa stampo e piego mi aiuta a fare la scelta corretta ?

Certamente identificare i propri documenti e la tipologia aiuta a definire meglio le proprie esigenze e minimizzarne i costi

  1. Il volume di stampa atteso mensile espresso in copie e metri lineari è molto importante; se uso più di 3 rotoli al mese vale la pena pensare ad un sistema di piegatura automatica come una piegatrice fuori linea, mentre se si  supera i 5 rotoli al mese occorre sicuramente valutare il costi di rifilo e piego delle stampe a mano, operazioni completamente eliminate se si usa un sistema e stampa e piega in linea automatica.
  2. la tipologia di disegni è molto varia a seconda dei settori di progettazione, questo incide sulla quantità di inchiostro sulla copia e la facilità o meno di piegare il foglio ancora bagnato  con possibilità di rovinare la copia
AEC     Architecture Engineering and Construction GIS  geographic information system Meccanici Grafici
   
  1. disegni di quale formato
    • A0 1189 x 841mm
    • A1  841 x 594mm
    • A2  594 x 420mm
    • qualsiasi lunghezza, in questo caso occorre valutare la massima lunghezza poiché tutte le piegatrice fuori linea piegano al massimo 2.5 metri ad eccezione della GERA Babyfolder
  1. orientamento:
    • orizzontale ( standard del settore meccanico con cartiglio angolo in basso a destra)
    • verticale   ( a volte usato nel settore nautico o in disegni di architetti geometri )
  2. tipo di file :
    • vettoriale: dwg (Autocad)  dgn ( Microstation) etc..
    •  raster :  tiff, jpeg
    •  misto: pdf, dwf
    • di stampa: plt
  1. piega desiderata
    • a formato  A4 ( longitudinale trasversale) con disegno rifilato sui 4 lati
    • solo piega longitudinale  perché il disegno è da rifilare i bordi laterali prima di piegare trasversalmente, succede quando si possiede stampanti con un unica bobina di carta.
  1. quale programma di piegatura? per rispondere devo sapere cosa ne faccio del documento piegato dopo:
    • lo distribuisco semplicemente e desidero un ingombro  formato A4 ? Utilizzeremo il programma DIN C che piega  210mm x 297mm
    • voglio inserirlo in un classificatore ad anelli ? in questo caso seleziono il program DIN A: 190+20mm x 297mm dove nel 20mm di margin
    • devo usarlo in classificatore con le buste di plastica program DIN B: 190 x297mm
    • altre applicazioni nessun problema  le piegatrice GERA sono le uniche a piegare da un minimo di 95mm ad un massimo di 420mm per pannello
  2. quale stampante devo abbinare? se si vuole rendere tutto il processo di stampa e piega automatico fornire il modello di stampante che avete o che desiderate acquistare aiuta a definire con precisione il modello di piegatrice

Ora che conosco tutte queste informazioni cosa posso fare ?

Posso contattare GERA e fornirle a loro, in questo modo daranno indicazione di quale prodotto è più utile per voi ed saranno chiari i vantaggi economici di una piegatrice disegni.

Mi conviene davvero comprare una piegatrice ?

Come  calcolare il punto di convenienza?  semplice piegare un disegno A0 costa in media 1 € quindi se stampo e piego 3 rotoli di carta al mese significa che la persona qualificata come disegnatore o progettista  può costare da un minimo 300€ fino a superare i 500€ mensili, pochi mesi saranno sufficienti a ripagarvi dell’investimento fatto.
se fate stampare, rifilare e piegare un disegno A0 a colori da un centro stampa il prezzo varia da 10 ai 15 €
quindi se vi appoggiate ad un servizio di stampa esterno saprete subito quanto è conveniente avere una piegatrice in casa
inoltre stampare e piegare in casa non è solo questione di convenienza ma anche di segretezza protezione dei propri disegni  ( vedi la SPY STORY  Ferrari Mc. Laren di qualche tempo fa, disegni copiati da un centro stampa inglese ) oppure tempistica molto ridotta  contanto su un sistema di stampa e piega nel vostro ufficio.